0, 1, 0, 0, 0, 1, 0 trend

Hai una voglia continua di sushi? Ecco cosa significa veramente

Il sushi piace a tutti, ma perchè alcune persone ne sono praticamente dipendenti? Potrebbe dipendere dalla sua consistenza

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La sushi mania impazza da tempo ormai in tutto il mondo: inizialmente considerato un cibo esotico e “fighetto”, il sushi è invece poi entrato a far parte delle abitudini alimentari di migliaia di persone, complice anche la presenza di sushi bar in tante città, non solo grandi ma anche di provincia (conoscete il sushi gelato?).

Ma perchè il sushi, un cibo così lontano dalle nostre abitudini alimentari, piace tanto?

La motivazione è da ricercare non solo nel suo gusto particolare, ma anche nella nostra mente: i pesci hanno muscoli molto meno forti degli animali da cortile di cui siamo abituati a mangiare le carni, quindi la loro consistenza è delicata e leggera, ci ricorda cibi rassicuranti della nostra infanzia come i budini o i purè. Molte persone sono anche sensibili, probabilmente senza saperlo, all’effetto degli Omega3, che sono utili contro la depressione e portano buon umore.

Dietro alla vostra mania da sushi potrebbero quindi esserci motivi diversi dalla semplice passione per il pesce crudo: la cattiva notizia però è che non si tratta di un cibo dietetico come sembra.

Che il sushi sia un cibo light è un falso mito: in realtà contiene molti zuccheri e poche proteine, sembra saziare ma in realtà, come tutti i cibi dall’indice glicemico alto, porta a riavvertire lo stimolo della fame dopo poco tempo. E’ anche molto calorico: un piccolo roll a base di granchio, maionese e avocado fornisce 35-40 chilocalorie, mentre un nigiri sushi arriva sulle 65-70.

Inoltre, bisogna sempre tenere a mente che si sta consumando cibo crudo: per liberarlo dalla contaminazione di parassiti, deve essere abbattuto per almeno 24 ore ad una temperatura non superiore ai 20 gradi. E’ importante quindi consumare sushi solo in locali che vi diano garanzia ed affidabilità: l’Anakis, uno di questi parassiti, può portare a problemi intestinali che possono rivelarsi gravi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti