Il testosterone alto fa bene alla salute: come aumentarlo

E' il principale ormone sessuale maschile ed è molto importante anche per la salute: se si abbassa troppo bisogna correre ai ripari

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Il testosterone, ormone maschile prodotto principalmente dai testicoli, è una garanzia di buona salute del corpo umano: non solo aumenta la libido, ma ha molti altri effetti sul benessere generale maschile.

Un buon livello di testosterone mantiene forte la muscolatura, il sistema scheletrico e quello circolatorio, fa bene quindi al cuore, ma anche al metabolismo. Inoltre aiuta a mantenere alta la concentrazione, stimola la memoria e il buon umore, migliora addirittura la qualità del sonno.

E’ quindi molto importante cercare di mantenerlo alto anche dopo i 30 anni, età nella quale inizia a calare la produzione: come fare? Secondo il medico  Joseph Mercola, autore fra gli altri anche del libro “Io non mi ammalo”, molto si può fare tramite la dieta quotidiana.

Per mantenere buoni i livelli di testosterone nel corpo, bisogna scegliere le verdure crucifere, quindi broccoli, cavoli, cavolfiore e cavoletti di Bruxelles. Importante anche il pesce:  sardine e acciughe, salmone e sgombro, ricchi di omega 3, ma anche molluschi, granchi, aragoste, ostriche e cozze, che abbondano di zinco. A proposito di integratori, consigliati anche quelli di vitamina K2: è importante sempre consultare il proprio medico e non fare di testa propria, perchè ogni caso è a sè e in qualche caso gli integratori possono anche essere dannosi.

A proposito di salute, chi desidera avere il testosterone sempre alto farebbe meglio a limitare l’assunzione di alcool: farà anche “macho”, ma lo abbassa drasticamente. Via libera invece alle attività all’aria aperta, perchè la vitamina D è essenziale anche per la sintesi di questo ormone: in inverno si può anche ricorrere agli integratori (sempre dietro consiglio medico e se necessari). Importante anche il selenio, contenuto in fegato, patate, molluschi e noci.

Importanti anche i livelli di colesterolo, quello buono: possono aiutare uova, pollo, olio di oliva, burro e fagioli, sempre se non si hanno grossi problemi con il colesterolo cosiddetto cattivo.

Infine, occhio alla dieta low carb: sicuramente farà dimagrire, ma fa scendere inesorabilmente anche il testosterone.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti