La famiglia di Sordi contro il film sull'attore: "Un'imitazione"

Igor Righetti critica l'interpretazione di Edoardo Pesce nel film 'Permette? Alberto Sordi', che andrà in onda su Rai1 il 24 marzo.

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: ANSA

Andrà in onda il 24 marzo su Rai1 il film Permette? Alberto Sordi, diretto da Luca Manfredi e interpretato da Edoardo Pesce.

Come è facilmente intuibile dal titolo, la pellicola è un omaggio alla vita e alla carriera di Alberto Sordi, ma ancor prima della sua messa in onda è stato già tramortito dalle polemiche (il film era già uscito al cinema, ma solo per tre giorni). I parenti del celebre attore non hanno infatti apprezzato il progetto.

“Quella di Edoardo Pesce è un’imitazione mal riuscita. Una protesi al naso e la parlata romanesca non bastano per diventare Alberto Sordi” dice Igor Righetti, cugino di Alberto, a nome dell’intera famiglia sulle pagine del Corriere.

“Pesce non buca il video, al massimo lo graffia. Noi familiari siamo tutti delusi, peccato: è stata un’occasione persa” continua poi Righetti, che lamenta anche molte inesattezze. “Io che l’ho conosciuto, Sordi non l’ho rivisto: per tutto il film viene ritratto come un cane bastonato”.

“Manca totalmente la sua profonda religiosità – tuona infine Igor – lui era un fervente cattolico, nella sua villa aveva un inginocchiatoio dove si metteva a pregare ogni giorno, in giardino aveva una statua della Madonna. Non puoi ignorare un aspetto così importante della sua vita”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti