La festa di compleanno per un gatto diventa focolaio epidemico

Una famiglia cilena organizza una festa di compleanno per il gatto: il party diventa occasione di contagio da Covid per quindici persone.

21 Gennaio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123RF

Quando si dice che occorre evitare gli assembramenti non si intende solo le occasioni di festa per gli umani. Sembra banale dirlo, eppure una storia che arriva dal Cile fa capire che qualcosa, forse, non è chiaro a tutti. Siamo a Santo Domingo, nella regione di Valparaíso, e una famiglia locale ha deciso di festeggiare il compleanno dell’amato gatto.

Così, predispone tutto per un party casalingo, con l’occorrente del caso e ovviamente con tanto di invitati (su due zampe, ops gambe). Le persone, da vere irresponsabili in un momento in cui l’emergenza sanitaria è ampiamente in corso, non vogliono perdersi l’opportunità di vedere parenti e amici per un evento così felice.

Peccato che il Covid non risparmia nessuno e anche riunioni domestiche possono essere momenti perfetti di diffusione virale e così è stato anche questa volta. Ben dieci persone presenti alla festa di compleanno del gatto si sono contagiate stando sotto lo stesso tetto e diffondendo il virus ad altre cinque con cui successivamente sono venute in contatto. Un totale, dunque, di quindici contagi che potevano essere evitati.

“Quando ho scoperto che si erano infettati durante il compleanno di un gatto mi sono detto ‘è uno scherzo’”, riferisce LaZampa.it secondo quando ha raccontato Francisco Álvarez (responsabile del Centro sanitario di Valparaíso) a Radio Bio Bio. “Ho pensato che lo dicessero per nascondere qualcos’altro, ma in realtà era così – continua – È complesso e un po’ incomprensibile, soprattutto considerando che lo abbiamo detto in tutti i modi e sottolineiamo che se le persone si incontrano, dovrebbero prendere le misure necessarie. In caso contrario, è meglio rimanere nella proprie case.”

In effetti suonerebbe come una barzelletta, se non fosse esattamente successo questo. In tempi normali festeggiare il proprio micio insieme alle persone care è un’occasione più che gradevole per stare insieme, ma in questo frangente è oltremodo da condannare. Soprattutto di fronte ai numeri drammatici di una nazione che ha già avuto a che fare con oltre 680mila malati.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti