Il ritorno a sorpresa di Lele Spedicato sul palco dei Negramaro

Lele Spedicato, chitarrista dei Negramaro colpito da emorragia cerebrale a settembre, è apparso a sorpresa sul palco del concerto a Rimini

Sorpresa per i fan dei Negramaro presenti a Rimini, dove è partito il tour rinviato dopo il malore accusato a settembre da Lele Spedicato.

Proprio il chitarrista è apparso improvvisamente sul palco, visibilmente emozionato e accolto da un grandissimo applauso dei presenti, mentre Giuliano Sangiorgi intonava la canzone “Cosa c’è dall’altra parte”, un nuovo brano dei Negramaro che racconta il buio, la rabbia e la felicità della luce ritrovata in fondo al tunnel.

Giuliano Sangiorgi, di questa canzone, ha detto in alcune dichiarazioni riportate da ‘La Repubblica’: «Non avrei mai voluto scriverla, l’ho maledetta, l’ho urlata al pianoforte. Mi ha convinto Lele a inciderla, voleva che cantassi la sua luce».

Il chitarrista dei Negramaro Lele Spedicato, lo scorso settembre, era stato colpito da un’emorragia cerebrale. Ora, a distanza di cinque mesi, è tornato a imbracciare la sua chitarra sul palco assieme al resto del gruppo. Ad accoglierlo, sullo stage, una gigantografia sul fondo scena (“Bentornato Lele”) e il grande affetto dei suoi compagni di band e di tutti i fan.

Al termine dell’esibizione sul palco di Rimini, tra la commozione generale, Lele Spedicato ha preso il microfono e ha detto: «Ciao a tutti, grazie infinite a tutti. Scusate, sono un po’ emozionato. Grazie di cuore a tutti. Buon San Valentino, viva l’amore che aiuta sempre tutti! Ciao, grazie e a presto. Ritornerò molto presto. Grazie, grazie di cuore!».

Nei giorni scorsi, lo stesso Lele Spedicato, assieme al resto dei Negramaro, aveva annunciato che non prenderà parte a questo tour. A sostituirlo, come chitarrista del gruppo, sarà il fratello minore Giacomino.

Lele Spedicato aveva spiegato così la decisione: «Ciao a tutti carissimi amici, come vedete ce la sto mettendo tutta e grazie anche al vostro sostegno mi manca pochissimo per tornare al 100%! Per i medici devo terminare la riabilitazione per riprendermi completamente e non rischiare nulla, quindi ho bisogno di un altro po’ di tempo. Inutile dire che sono profondamente dispiaciuto ma avremo modo di recuperare ogni emozione quanto prima. Intanto prenderà il mio posto una parte di me: il mio piccolo fratellino Giacomo, che certamente non vi deluderà. Mi mancate, vi amo».

Il ritorno a sorpresa di Lele Spedicato sul palco dei Negramaro

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti