Bambina scrive straziante lettera a Babbo Natale: è da lacrime

La piccola Lilly intenerisce il cuore del mondo: una bambina di 10 anni scrive una lettera straziante a Babbo Natale. Scopri cosa ha scritto.

19 Dicembre 2023
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

Fonte: 123RF

Con il Natale ormai alle porte, una storia commovente di una bambina di 10 anni sta facendo il giro dei media britannici, gettando luce sulla triste realtà della povertà infantile. La lettera straziante di Lilly a Babbo Natale è diventata virale sui social, sottolineando le sfide che molte famiglie affrontano durante le festività. Ma cosa racconta davvero questa letterina?

La sconvolgente letterina di una bambina di 10 anni a Babbo Natale

Andiamo con ordine e partiamo dal principio. Nella sua lettera sincera e toccante, la piccola Lilly svela il motivo per cui crede che Babbo Natale non possa consegnare i regali quest’anno. La mamma le avrebbe detto che Babbo Natale è malato e, a causa di questi suoi problemi di salute, non potrà far visita alla loro casa. Con un cuore generoso, Lilly invia quindi al barbuto signore i suoi auguri affinché possa guarire presto, aggiungendo che renderebbe molto felice il suo fratellino.

Il video contenente la lettera è stato condiviso sui social dal Big Help Project nell’ambito della campagna “Dear Santa“, un’iniziativa che sta tentando di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle difficoltà che le famiglie in povertà affrontano durante le festività. Questa organizzazione di beneficenza con sede a Liverpool ha una missione molto ampia in tal senso, in quanto include una serie di servizi a disposizione di chi si trova in difficoltà: un club alimentare, consulenza gratuita sul debito e sul welfare, e supporto all’occupazione.

L’appello urgente per combattere la povertà a Natale

La lettera della piccola Lilly è quindi un grido di allarme sulla realtà di molti bambini in condizioni di povertà. Nel suo messaggio, Lilly esprime il desiderio di vedere suo fratello felice e, nonostante le difficoltà, sottolinea che quest’anno sono stati tutti e due davvero bravi.

In un post su Facebook, l’organizzazione benefica ha dichiarato che nessun bambino dovrebbe pensare che Babbo Natale sia malato e incapace di portare i regali. Con sgomento, la charity ha rivelato che, in Gran Bretagna, un bambino su sette trascorrerà il Natale senza ricevere alcun regalo.

La campagna “Dear Santa” ha quindi reso pubbliche cinque diverse lettere a Babbo Natale scritte da bambini che vivono in condizioni povertà.

L’obiettivo è far capire che, per molte famiglie, questo periodo dell’anno è una lotta quotidiana per la sopravvivenza più che una celebrazione festosa. L’organizzazione benefica si impegna a sensibilizzare l’opinione pubblica e a offrire un sostegno tangibile a coloro che ne hanno più bisogno. La lettera di Lilly diventa così un simbolo di speranza e un richiamo all’azione collettiva per garantire a tutti i bambini un Natale degno di essere ricordato.

La Lettera di Lilly a Babbo Natale

Andiamo quindi a leggere il testo straziante scritto dalla piccola Lilly:

A Babbo Natale,

La mamma mi ha detto che quest’anno sei malato e non puoi venire a casa nostra. Spero che tu guarisca presto. Penso che renderebbe felice mio fratello!

Con amore, Lilly xx (10 anni).

PS. Siamo stati davvero bravi“.

I dati inquietanti dell’Istat sulla povertà infantile in Italia

La tenera lettera di Lilly, scritta in una cittadina inglese, potrebbe benissimo essere stata concepita in una qualsiasi città italiana. La sua dolcezza e il desiderio di vedere felice il fratellino sono universali, attraversando confini e lingue. E universale è anche la sua drammaticità. La storia di Lilly, quindi, non è solo inglese ma parla ai cuori provenienti da ogni parte del mondo.

La situazione in Italia, infatti, si mostra altrettanto allarmante. Per tre milioni e mezzo di bambini e adolescenti, il Natale del 2023 sarà ancora più povero rispetto al precedente. La piaga della povertà assoluta si diffonde in modo sempre più virulento, contrastando con una concentrazione di ricchezza che si restringe sempre di più nelle mani di pochi. L’urgenza di affrontare questa crisi sociale diventa sempre più evidente, mentre molti bambini si trovano a dover affrontare un periodo natalizio privo di quelle piccole gioie che dovrebbero essere garantite a tutti.

I dati dell’Istat sulla povertà in Italia parlano chiaro e raccontano una realtà inquietante, in cui i bambini e gli adolescenti sono tra i più colpiti. La situazione peggiora ulteriormente: 3,5 milioni su 9,5 milioni di persone comprese nella fascia d’età da 0 a 18 anni sono lontani dai propri diritti fondamentali. La povertà infantile, purtroppo, non è un fenomeno in regresso, ma sembra guadagnare terreno, minando il futuro di molti giovani.

L’allarme Unicef: in Italia, un bambino su 4 in condizioni precarie

Le preoccupazioni sull’infanzia in difficoltà in Italia sono corroborate dai dati Unicef, che rivelano una situazione ancora più grave. Circa un bambino su 4 vive in condizioni precarie, a rischio di privazioni e di non poter godere appieno dei suoi diritti.

Questo allarme sociale sottolinea la necessità di un intervento immediato e mirato per garantire una crescita sana e dignitosa per tutti i bambini. La storia di Lilly, con la sua lettera struggente a Babbo Natale, diventa così un simbolo di una realtà tristemente condivisa da molti bambini del nostro paese, un grido che attraversa i confini nazionali e ci invita a riflettere e agire per un cambiamento positivo.

La favola del Natale di Sofia, così simile a quella letterina di Lilly

Nel frattempo, sui social, c’è chi è andato a riscoprire una vecchia storia delle feste, quella del “Natale di Sofia”, che per tanti versi richiama la storia della letterina della piccola Lilly. Andiamo a scoprirla insieme.

C’era una volta, in una piccola cittadina, una bambina di nome Sofia. La sua famiglia, come molte altre, si trovava ad affrontare tempi difficili, e il Natale stava per arrivare con il suo carico di speranze e desideri.

Un giorno, di nascosto dalla mamma, Sofia decise di scrivere una letterina a Babbo Natale. Non era una lettera comune, ma un messaggio sincero che rifletteva la realtà della sua famiglia.

La bambina, con il suo cuore generoso, aveva scritto: “Caro Babbo Natale, so che quest’anno le cose sono un po’ difficili. La mamma dice che quest’anno ti trovi in difficoltà e che per questo non verrai. Io vorrei solo vedere il sorriso sul volto dei miei genitori e un po’ di felicità per tutti noi. Se hai bisogno, posso anche aspettare i regali, l’importante è che tutti stiano bene. E, se hai bisogno di una mano, posso venire ad aiutarti. Con affetto, Sofia“.

Sofia provò a spedire la lettera infilandola in una buca per la posta. Il postino del luogo, vedendola senza francobollo, si offrì di consegnarla lui stesso. Lo fece e, insieme a tutti i suoi amici e colleghi, diffuse la storia di Sofia in tutta la cittadina.

La notte della Vigilia di Natale, mentre Sofia dormiva, accadde un miracolo. La cittadina si risvegliò coperta da un leggero strato di neve, ma non solo: ogni casa aveva un pacchetto di regali fuori dalla porta. Non erano regali sfarzosi, ma ciascuno di essi portava il calore dell’amore e il sostegno della comunità.

Sofia, aprendo il suo regalo, scoprì una lettera scritta a mano da Babbo Natale: “Cara Sofia, la tua dolcezza ha toccato il mio cuore. Grazie per il tuo amore e la tua generosità. Quest’anno, la magia del Natale è nell’aiutare gli altri e nell’essere uniti. Il vero dono è l’amore che condividiamo. Buon Natale, piccola amica.”

Da quel giorno, la cittadina imparò che il vero spirito del Natale risiede nell’amore, nella condivisione e nell’aiuto reciproco.

Quell’aiuto reciproco che tanti di noi dovrebbero imparare a dare in un momento tanto difficile per tante famiglie che non possono vivere un Natale di festa.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti