Roma: il vulcano dei Colli Albani si sta risvegliando

Secondo gli studiosi il vulcano dei Colli Albani, alle porte di Roma, si sta risvegliando

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Mentre la terra continua a tremare sale la paura anche per Roma, dopo che gli studiosi hanno parlato di un possibile risveglio del vulcano dei Colli Albani. L’area vulcanica a soli 20 km dalla Roma inizia a dare segni di un possibile risveglio, visto che, a chilometri di profondità, si sta accumulando del nuovo magma. A registrare il pericoloso cambiamento uno studio multidisciplinare realizzato da un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che hanno collaborato con il Dipartimento di Scienze Geologiche – Sapienza Università di Roma, Istituto di Geologia Ambientale e Geoingegneria del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IGAG-CNR), e Laboratorio di Geocronologia dell’Università di Madison.

La ricerca ha interessato l’area vulcanica alle porte della Capitale “rimasta in assoluto stato di quiete da 36.000 anni a questa parte“. L’analisi, come ha spiegato Fabrizio Marra, ricercatore dell’INGV, ha permesso di stabilire che il vulcano dei Colli Albani si sta preparando ad un futuro risveglio.

Il risultato sorprendente  è che non solo il vulcano è tutt’altro che estinto, ma ha appena iniziato un nuovo ciclo di alimentazione delle camere magmatiche che potrebbe portarlo nel prossimo millennio, da uno stato dormiente a quello di risveglio. Da qui la necessità di monitorare sin da oggi quest’area vulcanica.

Tutti gli elementi raccolti nello studio indicano che l’area vulcanica dei Colli Albani è attiva e che si sta accumulando nuovo magma.

In quanto tempo questo magma potrebbe trovare una via di risalita e dar luogo a un’eruzione è difficile da stabilire con precisione, quello che è certo è che i tempi fisici per cui ciò possa avvenire sono alla scala delle diverse migliaia di anni. Tutt’altra storia rispetto al Vesuvio, dove le eruzioni sono avvenute in tempi storici e i tempi di ritorno dell’attività vulcanica sono dell’ordine delle decine e delle centinaia di anni: ai Colli Albani tutto procede con tempi delle migliaia e delle decine di migliaia di anni. A cominciare dai tempi di ritorno delle eruzioni.

I ricercatori però ci tengono a tranquillizzare gli abitanti di Roma e delle zone circostanti l’area vulcanica dei Colli Albani. Anche se tutto lascia presagire una nuova  eruzione e un possibile terremoto che colpirebbe la Capitale. “Nessun elemento derivante dalle osservazioni geochimiche e geofisiche in atto – ha chiarito Marra – lascia ipotizzare che un’eruzione possa avvenire né in tempi brevi né medi. Quindi, se una ricarica dei serbatoi magmatici è in atto, questa durerà senz’altro migliaia di anni prima che possa dar luogo a un’eruzione”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti