Sai perché il tuo cane ti segue ovunque, anche in bagno?

Non a caso lo chiamano "il migliore amico dell'uomo": il cane ha spesso l'abitudine di seguire ovunque il suo padrone e la scienza ci spiega il perchè

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Chi possiede un cane lo sa molto bene: soprattutto se si sta molto tempo fuori casa, quando si torna tra le mura domestiche il nostro amico a quattro zampe diventa a tutti gli effetti la nostra ombra. Ci segue ovunque, anche in bagno: gli animali domestici non sono molto noti per il loro senso della privacy!

Ma perchè il nostro cane fa questo? Ci sono molte spiegazioni sui motivi che spingono tutti (o quasi tutti) i cani a seguirci dovunque andiamo: la più accreditata, sostenuta da diverse pubblicazioni scientifiche (riportate sul Reader’s Digest), è quella collegata ad un istinto ancestrale del cane, che si sente parte di un branco e desidera quindi stare il più vicino possibile agli altri componenti di questo branco, in questo caso i suoi padroni. Questo ha a che fare anche con il “bonding”, quindi con il legame che, attraverso i secoli, si è stabilito fra cane addomesticato ed essere umano: come sostiene la professoressa Laurie Santos, direttrice del Canine Cognition Center at Yale University , il cane arriva a considerare il suo padrone come necessario alla sua sopravvivenza.

Ma questa non è l’unica spiegazione disponibile sul motivo che spinge i cani a seguire i loro padroni: c’è anche la questione del rinforzo positivo, in altre parole di tutti quei vantaggi che il cane ottiene stando vicino al suo umano. Di cosa parliamo? Coccole, carezze, qualche dolcetto, attenzioni. Tutte cose che spingono il cane a tornare sempre più vicino, per ottenerne ancora.

E a proposito di legame, come ha sostenuto la dottoressa Rachel Barrack in una intervista a American Kennel Club, c’è anche una scuola di pensiero che prevede che il cane adottato prima dei sei mesi consideri il suo padrone come la sua mamma: stargli vicino significa quindi sentirsi protetti e al sicuro.

E se tutte queste motivazioni ancora non vi bastano, sappiate che i cani sono animali essenzialmente curiosi: al di là del legame che avete, dei bocconcini che sperano di acchiappare o del fatto che vi considerino un genitore, probabilmente sono anche costantemente curiosi di scoprire cosa state combinando!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti