Valentina Parisse: “La musica non è mai una gara“

Tra i cento del Muro Umano di ‘All Together Now’ c’è anche Valentina Parisse, per la terza volta confermata nello show musicale Mediaset.

11 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Cantante e autrice (ha firmato un pezzo anche nell’ultimo album di Renato Zero, ‘Zerosettanta’), Valentina Parisse è stata confermata per la terza edizione consecutiva a ‘All Together Now’. Tra i cento del Muro Umano, infatti, c’è anche lei per un’edizione che vede coinvolta una nuovissima giuria vip formata da J-Ax, Rita Pavone, Francesco Renga e Anna Tatangelo. Che cosa significa fare intrattenimento in tv in questo momento difficile e portare la musica sul piccolo schermo? Abbiamo chiesto, e altro, proprio alla giovane artista.

Ti vediamo nuovamente nella super giuria di ‘All Together Now’, che in questa edizione presenta varie novità̀. Intanto come è ritrovarsi nel Muro Umano?
Una grandissima gioia poter essere di nuovo parte di questo straordinario programma soprattutto quest’anno. Un anno davvero difficile per tutti, che ci ha messo ci sta mettendo a dura prova. Difficile riassumere in parole la felicità di essere riusciti nonostante le circostanze a dare vita ad un momento di spensieratezza assieme a tutti i miei colleghi.

Sei tra i cento del Muro per la terza volta: che tipo di dinamiche si instaurano con i colleghi e vicini di posto? E che cosa ti aspetti da questa stagione?
Una delle cose che più amo di questa esperienza e di quelle passate è proprio l’essere entrata in contatto con tantissimi colleghi ed aver instaurato con molti di loro una forte amicizia. Si trascorre tanto tempo insieme, si prova, si canta, si ascoltano i concorrenti e assieme condividiamo riflessioni sul loro percorso e il loro potenziale. Ed al contempo ci si conosce e si scambiano idee: è proprio così che è nata la mia collaborazione con Space One, col quale ho condiviso la realizzazione del mio ultimo singolo Ogni bene.

Fra le novità 2020 c’è la giuria vip: in che modo questa presenza interviene nelle dinamiche del gioco e dello spettacolo?
Senza alcun dubbio loro hanno portato una nuova e forte energia al programma, secondo me. Avvalendosi della loro grande esperienza sono il passaggio fondamentale tra noi e i concorrenti: possono modificare il giudizio del muro e la cosa più divertente è che si crea un dialogo attraverso il quale gli artisti in gara possono scoprire qualcosa in più sulla loro esibizione, come fosse un vero e proprio approfondimento. Sono felice di questa bella novità, anche se il nostro capitano resta sempre il mitico J-Ax.

Di fronte ai dodici concorrenti in sfida con le loro esibizioni avverti maggiormente il senso di responsabilità di giudizio nei loro confronti o il coinvolgimento e il divertimento di quello che resta comunque uno show, prima ancora che una gara?
La musica non è mai una gara per me, questo rimane il mio motto! Io in prima persona non ho mai partecipato ad un talent come concorrente e sento sì la responsabilità del mio giudizio. Ogni concorrente ha un sogno, ha un percorso e per essere su quel su quel palco ha dovuto sicuramente affrontare tantissime sfide personali e professionali. Tutto questo merita tutta la mia stima e il mio supporto in primis per ognuno di loro. Per questo amo lo spirito di questa esperienza e di questo programma, perché pur mettendo a confronto talenti diversi non fa altro che esaltarli. Altra cosa fondamentale è, come tu stessa hai anticipato nella domanda, la forte componente di divertimento e spensieratezza.

Il confronto con tanti altri volti noti del mondo musicale e dello spettacolo ti ha fatto conoscere qualcosa di nuovo di quel mondo? Che cosa stai imparando?
Alcuni dei miei colleghi li conoscevo soltanto attraverso la loro musica e non avevo mai avuto modo di trascorrere del tempo con loro, e questo mi ha fatto scoprire delle bellissime persone. Credimi sono davvero grata che questo sia accaduto perché trovo sia fondamentale il rapporto umano con le persone: il contatto diretto ti arricchisce sempre, a mio parere. E certo si impara moltissimo: è come quando scrivo le canzoni per altri artisti, attraverso loro scopro anche qualcosa in più di me stessa.

L’intrattenimento televisivo, e non solo, in queste settimane va in onda anche per regalare momenti di leggerezza in un periodo difficilissimo. Quanto è importante per te anche emotivamente e quanto credi lo sia per il pubblico?
Credo sia importantissimo e ti ringrazio infinitamente per questa domanda perché il mio più forte augurio quando abbiamo iniziato a girare le riprese di questo programma era proprio la possibilità̀ di poter donare un momento di leggerezza a chi ci segue da casa. So perfettamente il momento che stiamo vivendo è difficilissimo per tutti e l’idea di poter donare anche solo un piccolo piccolissimo sorriso per me ha un valore enorme.

In estate hai pubblicato il singolo Ogni bene con un tuo collega del Muro, Space One. Che esperienza è stata?
Come ti accennavo nella precedente domanda Space One è una delle persone con le quali appunto ho legato proprio grazie a questo programma. Non solo lui è lo straordinario artista che noi tutti conosciamo ma ho avuto il piacere di scoprire anche una bellissima persona. Ricordo ancora il momento in cui l’ho chiamato e gli ho detto “Sai sto lavorando ad un brano e mi piacerebbe che tu lo ascoltassi”. È nato tutto così, con entusiasmo e spontaneità e credo sia il modo migliore per fare musica insieme.

E ancora, hai firmato uno degli inediti del nuovo album di Renato Zero: ci racconti come è andata?
Il mio rapporto Artistico con Renato è nato col suo Album ‘Alt’ del 2016 e gli sono davvero grata: lui ha creduto in me scegliendomi e scegliendo le mie canzoni e questo mi ha reso un artista più consapevole e più fiduciosa. Di recente ho lavorato anche al brano “Stai giù” che fa parte del suo nuovo album ‘Zerosettanta’. Io sono cresciuta con le sue canzoni, ti basti pensare che mio fratello nella sua cameretta aveva attaccato al muro il vinile di ‘via Tagliamento’, e il primissimo concerto al quale ho assistito fu proprio il suo quando avevo appena 13 anni. Sono inoltre estremamente orgogliosa di far parte di una squadra di artisti che hanno collaborato alla realizzazione di questo suo ultimo album che stimo profondamente, come ad esempio Phil Palmer e Vincenzo Incenzo.

Sei al lavoro su nuove tracce, magari in previsione di un album?
Assolutamente sì, sto scrivendo molto sia per me che per altri artisti e a breve ci sarà il mio nuovo singolo. Non vedo l’ora di condividerlo con te e con tutti voi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti