0, 0, 0, 0, 1, 0, 0 trend

Virginia Raffaele torna in tv con 'Facciamo che io ero'

Virginia Raffaele sbarca su Rai Due con un programma dedicato alle sue imitazioni

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: Twitter

Virginia Raffaele torna in tv con “Facciamo che io ero”, il nuovo programma in onda su Rai Due che vedrà la comica e imitatrice nei panni di diversi personaggi.

Il one woman show sarà ambientato in un circo e andrà in onda a partire dal 17 maggio. Protagonisti i personaggi interpretati e imitati da Virginia Raffaele in un programma firmato Ballandi, che promette grandi sorprese a metà fra finzione e realtà.

“Ho una gran paura, ho l’ansia proprio – ha svelato la Raffaele parlando di questa nuova avventura televisiva -. Ogni tanto mi addormento e mi chiedo: ‘Sarò capace di fare sto mestiere?’. Mi dicono cose bellissime e mi incoraggiano, ma più me le dicono, più dubito”.

Il programma in onda su Rai Due rappresenta una grande prova per lei, ma Virginia Raffaele ha deciso di non tirarsi indietro: “Ho deciso che si sarebbe chiamato Facciamo che io ero – ha svelato – un po’ perché era un gioco di mìmesi che facevamo da piccoli tra ragazzini e che può accendere la fantasia, un po’ perché ogni volta che interpreto qualcuno sto chiedendo al pubblico di accompagnarmi e crederci con me”.

Quali saranno i personaggi che saliranno sul palco? Di certo Ornella Vanoni, ma anche Carla Fracci, Donatella Versace, Sabrina Ferilli, Belen Rodriguez e ovviamente Giorgiamaura, l’imitazione che, secondo la Raffaele, le assomiglia di più. La sua trasformazione avverrà ancora una volta grazie a Bruno Biagio, professionista del mestiere: “Ogni volta che lo chiamo, trema – ha svelato la Raffaele -. Risponde preoccupato: ‘Drago sulla schiena?’. Sa che se telefono gli può sempre arrivare tra capo e collo una richiesta impossibile. Lui ha il calco di ogni parte del mio corpo. Quando ha terminato la lavorazione vado da lui, nel laboratorio di Sesto San Giovanni, e facciamo le prove. La Vanoni è una protesi intera, senza indossarla quasi non riesco a fare la parodia”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti