8 curiosità che non sapevi sull'anguria

Ecco 8 curiosità sull'anguria che non tutti conoscono: dalle numerose varietà alle forme più strane, da quella dalla scorza morbida a quella più grande mai coltivata prima

Fonte: flickr

Le curiosità sull’anguria sono moltissime ma ce ne sono 8 in particolare che non sono tanto conosciute. Questo alimento, noto anche con il nome cocomero, è preferito dalla maggior parte delle persone in quanto viene visto come un cibo adatto all’estate e ottimo contro il caldo. Quando lo si mangia, però, si è inconsapevoli delle numerose curiosità che può nascondere. Innanzitutto c’è da dire che il cocomero non può essere annoverato nè tra la frutta nè tra le verdure in quanto si tratta di una sorta di ibrido ma, per convenzione, molti tendono a denominarlo frutto.

Inoltre non tutti sanno che esistono al mondo più di 1200 cultivar, ovvero varietà. Infatti dietro a questo frutto si celano moltissime specie che si differenziano per peso e colore: esistono alcuni cocomeri che possono pesare 1 kg e altri addirittura 90, alcuni con la polpa rossa e altri di colore arancione, giallo o bianco. Proprio in virtù di ciò aleggia un’altra curiosità sulle angurie: è stato coltivato a Sevierville, nel Tennesse, un cocomero il cui peso ha raggiunto le 350,5 libbre, pari a 6125,76 kg.

Si tratta dell’anguria più grande al mondo regalando a Chris Kent, il suo proprietario, il Guinnes World Record. Se pensavate che i cocomeri avessero tutti la stessa forma, vi sbagliavate: in Giappone un agricoltore ha dato vita ad un cocomero avente una nuova forma. L’idea iniziale era quella di creare un’anguria cubica che si potesse posizionare più facilmente nel frigo, ma la cosa è sfuggita di mano creando un commercio che gli ha fatto fruttare un sacco di soldi. Un’altra curiosità sull’anguria riguarda in particolar modo una varietà, creata e tenuta in vita per più di 100 anni.

Si tratta della dolcissima Bradford, il cui commercio è iniziato nella prima metà del 1800. E’ nata dall’unione della Lawson Watermelon con la Mountain Sweet, ma il fatto che la scorza fosse poco resistente durante il trasporto ha segnato il suo declino. Al momento solo qualche agricoltore statunitense continua a coltivarla. Sapevate che si può mangiare l’intero frutto? In Cina le scorze vengono saltate in padella e mangiate come snack. Inoltre le augurie fanno molto bene alla salute perché aiutano a prevenire il cancro, grazie al licopene contenuto. Infine, l’ottava curiosità riguarda i semi: quelli che non li contengono sono cocomeri frutto di un processo di ibridazione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti