Amadeus risolleva gli ascolti e annuncia: "Vorrei un figlio"

Il conduttore, in un'intervista rilasciata al settimanle Oggi parla della sua famiglia, del successo e di Striscia

Fonte: Instagram

La ripresa (in termini di Auditel) del preserale è anche merito suo: la chiusura di Affari tuoi con annessa sostituzione in una fascia delicata come quella stretta tra telegiornale e prima serata andava sostenuta con un progetto scaltro, intelligente. E l’operazione I soliti ignoti, condotto da Amadeus ha confermato che era giunto il tempo di cambiare.

“Ero ottimista, ma gli ascolti che fa Soliti ignoti sono veramente incredibili. Credo che la chiave del suo successo sia nel fatto che possono vincere tutti: le qualità che servono sono intuito e spirito di osservazione. Spesso vengo fermato da bambini che mi dicono: Ieri ho indovinato!”. L’autore e conduttore ha confessato in un’intervista rilasciata a Oggi che l’ultima parola, sulle questioni domestiche, spetta sempre alla moglie Giovanna Civitillo, sostenuta, dal figlio Josè:

“È uno schema ben rodato. In casa decido io. Poi però mia moglie mi dimostra che aveva ragione lei. E, a onor del vero, devo ammettere che lei ha sempre ragione. Mio figlio Josè a otto anni ha già capito tutto. Mi guarda e dice: Mamma ha sempre ragione“.

Il presentatore, oltre al piccolo Josè, ha avuto una figlia – Alice – nata dal precedente legame: il rapporto con i suoi ragazzi è denso di soddisfazioni e, nel difficile ruolo di genitore, Amadeus ha avvertito la necessità sopratutto di trasmettere ai suoi figli il valore del denaro, il senso del sacrificio e l’importanza della gavetta in ambito lavorativo:

Un figlio, come idea, piacerebbe. Però, dico la verità, non è che mi stia impegnando perché la faccenda smetta di essere una mera ipotesi. Ho anche 54 anni, se aspetto ancora un po’…”

Amadeus, poi, ha un pensiero anche per Antonio Ricci, il guru di Striscia la Notizia che è in competizione proprio con la sua trasmissione e che gli fece avere un Tapiro d’oro: “Restituire il Tapiro d’oro? Fossi matto: sono orgogliosissimo del mio Tapiro, che ha un posto d’onore in salotto e suscita invidia in tutti gli ospiti. E poi per me Striscia è un programma cult. È un tg satirico con un ruolo sociale, il mio è un gioco: non credo ci possa essere una vera contrapposizione tra i due programmi”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti