Cosa accade al tuo corpo se mangi broccoli tutti i giorni

E' bello a vedersi, ma anche buonissimo da mangiare: il broccolo è il re delle tavole invernali ed ha molteplici capacità benefiche

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

I broccoli sono un ortaggio bellissimo a vedersi e buonissimo a mangiarsi: le infiorescenze del broccolo romano sono note per la loro geometria perfetta, ma tutte e e 300 le varietà di cavoli esistenti al mondo hanno la loro particolarità. Li accomuna una cosa importante, oltre all’appartenenza alla famiglia delle Brassicacee: sono uno degli alimenti più nutrienti che possiamo mangiare.

I broccoli sono ricchi delle vitamine più salutari, C, A e K, ma anche di potassio e calcio, oltre che di acido folico.

Secondo molti studi, come confermato dalla dietista Kristen Carli, i broccoli hanno spiccate capacità anti-tumorali: “Elevate assunzioni di broccoli sono associate a una diminuzione dei rischi di cancro tra cui colon-retto, polmone, seno e prostata“. Tutto merito degli  isotiocianati, composti solforati che si sprigionano quando le foglie vengono masticate le cui proprietà sono utili soprattutto nella prevenzione del tumore al polmone e al colon.

Il broccolo ha anche una buona azione disintossicante per il nostro corpo e andrebbe consumato spesso, meglio se crudo o cotto al vapore: cuocerli troppo farebbe perdere loro gran parte delle caratteristiche benefiche.

Possiamo quindi mangiare i broccoli tutti i giorni? Assolutamente si, anche se esistono delle particolari controndicazioni. Le persone in età avanzata che fanno uso di farmaci anticoagulanti, ad esempio, non debono esagerare: la vitamina K che contengono i broccoli è un potente fattore di coagulazione del sangue. Un eccessivo consumo di broccoli è controindicato anche per chi ha problemi di tiroide, perchè potrebbe rallentare l’assorbimento dello iodio: il consiglio in questo caso è di tagliare l’ortaggio in strisce sottile, diminuendo così questo effetto collaterale.

Le verdure crucifere andrebbero evitate in generale da chi ha problemi di ipotiroidismo, ma il loro consumo non scatena il problema: chi soffre di questo disturbo può mangiare tranquillamente broccoli, senza esagerare.

Per tutti gli altri, via libera a broccoli al vapore, croccanti al forno, come condimento della pasta o anche come parte di ricchi purè: c’è solo l’imbarazzo della scelta!

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti