Gelato senza zucchero? Attenzione a cosa significa davvero

Siete attenti alla forma fisica e cercate un gelato senza zucchero? Attenzione a ciò che mangiate: ecco cosa significa questa espressione.

3 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Non solo chi è a dieta, ma tutti dovrebbero fare attenzione a ciò che si mangia. Evitare di consumare cibi ricchi di grassi e zuccheri è la raccomandazione più comune fra gli esperti, ed è per questo che spesso si tende ad acquistare prodotti che sono privi di queste sostanze. Tra gli alimenti dietetici, ad esempio, si sente spesso parlare del gelato senza zucchero, ma cosa significa veramente?

Intanto, va detto che la preparazione di questo dolce tipicamente estivo – ma apprezzato anche nei periodi più freddi – (che mangiato a colazione sembra avere benefici effetti sul cervello) prevede l’uso del saccarosio, un particolare tipo di zucchero che serve come anti-congelante. Eliminare questo ingrediente è possibile? Certo, ma bisogna affidarsi ad altri additivi che svolgano quella stessa funzione al posto dello zucchero.

Bisogna utilizzare dei prodotti alternativi, come i polialcoli, sostanze estratte da alcune piante, che hanno proprietà anticongelanti e spesso anche dolcificanti” ha spiegato in un video su Facebook Roberto Lobrano, gelatiere, docente e consulente marketing.

L’unico problema – continua il consulente tecnico e formatore di gelateria a livello internazionale – è che alcuni di questi polialcoli hanno una dose massima giornaliera, riferita al peso corporeo delle persone. Di solito siamo sotto al grammo per ogni chilo di peso. Una persona di 70 chili, ad esempio, ne può consumare tra i 50 e i 70 grammi”. Un’eccessiva assunzione di tali sostanze potrebbe creare, sottolinea Lobrano, problemi intestinali, per questo vanno dosati con accortezza.

Bisogna poi stare attenti a quando leggiamo “gelato senza zuccheri aggiunti”. In questo caso non significa che il prodotto non contenga zucchero, ma semplicemente che non ne vengono aggiunti altri rispetto a quelli previsti dalla ricetta. Se un gelato contiene frutta, ad esempio, è ovvio che conterrà anche fruttosio, ma questo non lo troviamo sulla lista degli ingredienti utilizzati (leggere le etichette degli alimenti può aiutare a dimagrire).

Insomma, è possibile produrre un gelato senza zucchero ma solo facendo ricorso ad additivi, secondo quanto prevede anche la normativa del settore. Quindi la scelta sta al consumatore: meglio un gelato contenente zucchero o uno contenente additivi?

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti