Fine dell'estate, arriva maltempo: quanto calano le temperature

Preparatevi all'arrivo del maltempo! Il caldo di ottobre 2023 ci saluta e Medusa si avvicina minaccioso: scopri cosa accadrà nei prossimi giorni.

13 Ottobre 2023
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

Nei prossimi giorni, l’addio al caldo e al bel tempo sarà inevitabile in tutta la Penisola. L’anticiclone che ha portato sole e temperature al di sopra della media stagionale cederà il passo al ciclone Medusa proveniente dall’oceano Atlantico, portando con sé freddo e maltempo. Il nuovo fenomeno sarà alimentato da aria più fresca e spinto dai venti di Libeccio, determinando un brusco tracollo termico e l’arrivo di precipitazioni in molte regioni.

L’anticiclone ci saluta e con lui arriva Medusa: cosa accadrà

Già a partire da lunedì 16 ottobre, al Nord, le temperature subiranno un’importante diminuzione, con valori massimi che non supereranno i 16-17°C. Anche il Centro-Sud vedrà un sensibile calo delle massime a partire da martedì 17 ottobre.

Sebbene il caldo delle prime settimane di ottobre possa persistere fino al 14, si prevede un graduale abbassamento delle temperature, specialmente al Nord e sulle regioni tirreniche, con una diminuzione di circa 2 o 3 gradi. Tuttavia, tra il 15 e il 20 ottobre, il panorama cambierà radicalmente, poiché piogge e freddo prenderanno il sopravvento.

Scopri anche:– Cambiamento climatico e ‘uragani’: il pericolo aumenta in autunno

Le condizioni nel Centro e nel Nord Italia

Dal prossimo fine settimana, l’anticiclone africano inizierà a lasciare gradualmente il Paese. Sabato 14 ottobre si prevede un clima prevalentemente soleggiato, con un aumento della nuvolosità in tutta la regione settentrionale e occasionali piovaschi sulle Alpi. Domenica 15, l’arrivo di correnti più fresche dai quadranti nordorientali porterà un peggioramento del tempo al Nord-Est, con violenti temporali nel corso del pomeriggio.

Cosa accadrà in tutta Italia dalla prossima settimana

La prossima settimana, il maltempo si estenderà su gran parte dell’Italia, coinvolgendo anche il Sud. Prepariamoci dunque ad accogliere un cambio netto di scenario meteorologico, con temperature in diminuzione e l’arrivo di piogge e venti intensi.

Insomma, questa piacevole ottobrata è finita ed è pronta a salutarci per sempre… o, almeno, per il 2022!

Il fresco non vuol dire che il riscaldamento globale non esiste

È importante sottolineare che l’arrivo imminente del maltempo e del freddo non sminuisce l’urgenza e l’esistenza del fenomeno del riscaldamento globale. Sebbene possa sembrare a prima vista contraddittorio, è fondamentale comprendere che i singoli eventi meteorologici non possono essere considerati come prova diretta di cambiamenti climatici a lungo termine. Il riscaldamento globale si riferisce al riscaldamento graduale della Terra a causa dell’eccessiva produzione di gas serra e delle attività umane che alterano l’equilibrio naturale dell’ambiente.

Scopri anche:– Previsioni bizzarre? L’inverno quest’anno forse non arriverà!

L’instabilità meteorologica è una delle conseguenze del cambiamento climatico, che può portare a un aumento della frequenza e dell’intensità di eventi climatici estremi, come uragani, alluvioni, siccità e temperature insolitamente fredde o calde. La comprensione di tali fenomeni richiede un’analisi a lungo termine dei dati climatici e una valutazione della tendenza globale.

Dunque, mentre ci prepariamo ad affrontare le sfide del maltempo imminente, è cruciale continuare a sostenere gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra, proteggere l’ambiente e adottare pratiche sostenibili per preservare il nostro pianeta per le future generazioni. Insomma, anche quando farà più fresco, non scordiamoci di fare la nostra parte!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti