L’attore Toni Servillo tra i migliori 25 attori del ventennio

Il ‘New York Times’ ha inserito l’italiano Toni Servillo nella rosa dei venticinque migliori attori al mondo degli ultimi vent’anni.

26 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

C’è anche il nome del “nostro” Toni Servillo tra i venticinque che il prestigioso New York Times ha incoronato come migliori attori degli ultimi vent’anni di cinema. L’elenco del quotidiano d’oltreoceano aggiunge, così, un nuovo riconoscimento al già ricco palmarès dell’artista campano. Alla posizione numero 7 – tra l’attrice cinese Zao Thao e il coreano Song Kang Ho – Servillo viene elogiato con parole piene d’entusiasmo.

Unico italiano nella lista, l’attore è ricordato innanzitutto per la sua interpretazione ne La Grande Bellezza, film di Paolo Sorrentino vincitore di un Oscar. Per il suo ruolo viene anzi paragonato al personaggio di Marcello Mastroianni ne La Dolce Vita, di cui sarebbe “una versione più consolidata”. E i paragoni importanti continuano, sempre citando sodalizi autorevoli del grande schermo.

Servillo e Sorrentino sono comparati, per esempio, a Martin Scorsese e Robert De Niro, a John Ford e John Wayne, e ancora a Vittorio De Sica e Sophia Loren. Coppie artistiche simbiotiche che hanno saputo dare il proprio meglio lavorando insieme. Ma “queste analogie sono insufficienti – si legge ancora sul New York Times – Servillo è stato l’avatar principale nell’evocazione che Sorrentino ha fatto della corruzione e dell’ipocrisia […] nell’Italia moderna”.

Il riferimento, in questo caso, è doppio: Giulio Andreotti, cui l’attore ha dato volto ne Il Divo, e Silvio Berlusconi, interpretato in Loro. “Biopic non convenzionali – scrive il NYT – che si dilettano nel teatro del potere” nel quale Servillo “con un trucco grottescamente artificiale, sa assomigliare ora a un burattino ora un cartone animato politico”.

“Ma quello che sta facendo Servillo è più di una semplice satira di sketch comici – conclude il quotidiano –[ È] come un attore shakespeariano che si addentra nella maestosità e mostruosità dell’antico o dell’immaginario.”

Gli elogi, dunque, fioccano per il nostro ambasciatore di cinema nel mondo il cui nome si inserisce a tutti gli effetti tra superstar come Denzel Washington (al primo posto) e Gael García Bernal (alla posizione 25).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti