0, 0, 0, 1, 0, 0, 0 trend

Trattiene il fiato sott'acqua per 25 minuti: è record

È un’apnea da Guinness World Record quella di uomo croato: all’età di 56 anni ha trattenuto il respiro per quasi venticinque minuti.

15 Maggio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Con quasi venticinque minuti – per la precisione 24 minuti e 37,36 secondi – di apnea è record per il croato Budimir Šobat. L’uomo, 56 anni, è così entrato di diritto nei Guinness World Records battendo il record precedente e aggiudicandosi il titolo di uomo che ha trattenuto volontariamente il respiro più a lungo. E l’impresa, si legge ironicamente sul sito dei primatisti mondiali, ha una durata maggiore di un qualsiasi episodio de I Simpson.

Budimir è riuscito a superare tutti mosso dalla volontà di far risuonare il nome della sua città, Sisak, gravemente colpita da un terremoto a fine 2020. È lo stesso Šobat a raccontare la situazione, come si legge sulla pagina a lui dedicata dal GWR. “Abbiamo un grosso problema con i terremoti, qui in Croazia, e la situazione è grave in questo momento”, spiega.

E aggiunge: “Speriamo di raccogliere fondi per le persone bisognose perché le scosse di terremoto hanno raso al suolo l’intera città di Petrinja”. Contro tutto e tutti, dunque, Budimir è riuscito a prepararsi per conquistare un posto nell’albo dei record e grazie a tecnica e allenamento ce l’ha fatta.

“Questo record non è arrivato per caso – spiega ancora l’apneista – Ci ho messo tutto il mio impegno. Mi stavo preparando per questo record da più di tre anni, allenandomi sei giorni a settimana. La più grande motivazione è mia figlia Saša, di 21 anni affetta da autismo: con i miei risultati i media mi prestano attenzione e posso parlare anche di consapevolezza sull’autismo”.

È una vittoria che vale doppio, dunque, quella di Budimir Šobat che nel corso delle esercitazioni ha sviluppato una tecnica precisa. “Mentre sono in apnea statica massima, tengo gli occhi chiusi e tutto ciò su cui mi concentro è sentire il mio battito cardiaco. – spiega – Una volta sentito, mi calmo e a quel punto combatto con il tempo”. E la battaglia è stata vinta.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti