Vuoi tingerti i capelli a casa? Le 5 cose che dovresti sapere

Problemi di tinta e ricrescita? In attesa che i parrucchieri riaprano, ecco qualche utile consiglio prima di rivoluzionare a casa la chioma

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

L’emergenza Coronavirus, e con essa il lockdown generale delle attività commerciali, ha sollevato – tra i tantissimi problemi – una questione tutto sommato importante per molte donne che da settimane si ritrovano a combattere con doppie punte, evidenti ricrescite o chiome argentee in attesa che la loro hair stylist di fiducia riapra i battenti.

C’è ancora un po’ da aspettare così le più coraggiose potrebbero pensare di fare da sole e tingersi i capelli senza l’aiuto di un professionista, tuttavia i risultati non sempre sono quelli sperati e il rischio di aggravare la situazione è notevole. Quando si ha a che fare con ammoniaca, colori, tinture e tempi di posa, infatti, gli errori in cui possiamo incappare sono diversi, dunque meglio ascoltare i consigli degli esperti, come Maureen McCarthy.

A Insider ha infatti fornito 5 suggerimenti sulle tinte in casa per evitare danni dettati dal fai da te. Per prima cosa bisogna essere certe del colore che vogliamo avere in testa: prima di acquistare una specifica colorazione, è bene fare ricerche, cercare immagini che rispecchiano i nostri desideri e leggere attentamente le istruzioni.

A seconda della nuance che abbiamo già, può essere più difficile del previsto ottenere un biondo platino o un nero corvino. Armiamoci di pazienza e prendiamo consapevolezza del fatto che star come Kim Kardashian – che cambiano colori, tagli e acconciature ogni settimana – trascorrono anche mezza giornata dal parrucchiere per riuscire nella loro missione!

Tingersi i capelli può rivelarsi anche un notevole investimento, soprattutto se abbiamo intenzione di decolorarli o rivoluzionare la tinta che abbiamo già invece di limitarci a un bagno di colore tono su tono (per riflessi ramati, usate le bucce delle cipolle).

C’è inoltre da considerare un altro aspetto quando iniziamo a valutare seriamente la possibilità di tingerci i capelli a casa: poiché i prodotti che utilizziamo sono di certo meno professionali di quelli utilizzati nei saloni di bellezza, i nostri capelli potrebbero subire una modifica nella loro struttura, sembrare più secchi o meno setosi del normale.

Infine ricordiamo che coloro che volessero provare nuance arcobaleno devono necessariamente prima decolorare i capelli, soprattutto se scuri, altrimenti rischiano un risultato pessimo: ciò implica diversi step per schiarire gradualmente la chioma, tanta pazienza e un certo gruzzoletto da investire!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti