Chi è Carlo Angela, il medico che rischio la vita per gli Ebrei

Carlo Angela è stato un antifascista italiano incluso fra i Giusti tra le Nazioni per avere salvato numerosi ebrei durante la Shoah

Fonte: flickr

Carlo Angela è stato un medico ed un antifascista italiano. Come direttore sanitario della casa di cura per malattie mentali “Villa Turina Amione”, vicino a Torino, riuscì a dare rifugio a partigiani antifascisti e a numerosi ebrei, salvando loro la vita. Lo sterminio degli ebrei da parte dei nazisti e dei loro alleati fu contrastato da pochi uomini, impegnati a salvare più vite possibili. Grazie al suo ruolo Carlo Angela riuscì in quegli anni a falsificare molte cartelle cliniche, ricoverando persone perfettamente sane e togliendole alle grinfie del sistema di sterminio.

Sospettato dalla polizia fascista, Carlo fu interrogato a Torino e rischiò la fucilazione. Angela non pubblicizzò mai questa sua attività, che rimase sconosciuta ai più fino al 1995, quando la pubblicazione di diari di alcuni ebrei da lui salvati ne fecero conoscere le imprese. Nel 2001 una commissione israeliana ha dichiarato Carlo Angela Giusto tra le Nazioni, un riconoscimento per chi ha rischiato la vita per salvare degli ebrei. Il riconoscimento avvenne però postumo, perchè Angela morì nel 1949. Prima della Marcia su Roma militò nel Partito Radicale, per poi aderire al Partito d’Azione.

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale Carlo Angela fu eletto sindaco di San Maurizio Canavese e divenne presidente dell’ospedale Molinette di Torino. Il riconoscimento di Giusto fra le Nazioni fu consegnato nel 2002 ai figli. Carlo Angela è padre del celebre giornalista televisivo e divulgatore scientifico Piero Angela che durante la guerra era solo un ragazzino. Per la sua opera di divulgazione scientifica, lunga ormai oltre 50 anni, Angela ha ricevuto ben 8 lauree onoris causa, oltre che numerosi riconoscimenti.

Il genocidio nazista arrivò a sterminare circa i due terzi degli ebrei europei, oltre a moltissime altre categorie di indesiderati che rischiavano di contaminare la purezza ariana della razza germanica. Fra i cosidetti untermensch cioè subumani, comparivano zingari, comunisti, omosessuali, portatori di handicap e testimoni di Geova. Si calcola che i morti causati dalla “soluzione finale”, come veniva chiamato lo sterminio, furono oltre 10 milioni, di cui 5 o 6 milioni di ebrei. I progetti del Terzo Reich prevedevano l’eliminazione, almeno nella prima fase, di circa 50 milioni di persone.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti