I girasoli di Van Gogh stanno scolorendo: un mistero (o quasi)

I famosi girasoli di Vincent Van Gogh stanno perdendo la loro luminosità: ecco per quale motivo

Vincent Van Gogh è stato uno dei pittori più famosi al mondo: i suoi quadri sono ancora oggi oggetto di studio da parte di ricercatori e accademici.

Il nome di Vincent Van Gogh è conosciuto in tutto il pianeta. Vissuto nell’800, ha dipinto nel corso della sua vita più di 900 quadri che ancora oggi richiamano visitatori da ogni parte del mondo. Van Gogh era un’artista così particolare e indefinibile che è quasi impossibile associarlo a una corrente, anche se in molti lo definiscono post-impressionista. Come quasi tutti i geni aveva una personalità difficile da imbrigliare e comprendere, anche perché purtroppo soffriva di disturbi mentali. Tanto che si è tolto la vita a 37 anni, quando non era ancora famoso e conosciuto. Van Gogh è stato uno di quei pittori apprezzati dopo la scomparsa, quando si è finalmente capito l’alto valore delle sue opere e della sua arte.

Vincent Van Gogh ha dipinto centinaia di quadri, ma tra i più famosi ci sono le magnifiche serie di girasoli realizzate in varie fasi della sua vita. Questi disegni sono estremamente particolari per il colore dei fiori, che sembrano risplendere di luce propria: per questo motivo, attirano visitatori al Van Gogh Museum di Amsterdam da ogni parte del mondo. C’è però una brutta notizia: sembra che i magnifici e luminosi girasoli stiano scolorendo. Il motivo sta nel fatto che il pittore, per ottenere quella specifica tonalità di giallo splendente, ha unito tinte differenti, di cui una particolarmente scadente. Che, esposta alla luce, scolorisce. Se ne sono accorti gli esperti del Van Gogh Museum, che adesso stanno cercando una soluzione per porre un argine a questa tragedia.

«Siamo stati in grado di vedere dove Van Gogh usava il giallo più sensibile alla luce, quelle sono le aree sulle quali i restauratori dovrebbero intervenire – ha detto Frederik Vanmeert, l’esperto che sta studiando i quadri – Abbiamo anche visto che usava un verde smeraldo e una vernice rossa a piombo in aree molto piccole del dipinto che, con il tempo, sono destinate a diventare più bianche». Per adesso il museo ha abbassato la luce nella stanza dove sono contenuti i quadri, ma è chiaro che va studiata una soluzione definitiva. «Ovviamente, monitoriamo lo scolorimento di vari pigmenti e al momento stiamo elaborando tutti i risultati della ricerca. Dopodiché stabiliremo in che modo affrontare la questione. Sappiamo che questo pigmento giallo è stato usato molto da Van Gogh e presumiamo che potrebbe succedere la stessa cosa anche in altri dipinti». Queste le parole della direttrice della collezione, Marije Vellekoop. Speriamo che una soluzione si trovi al più presto.

girasoli van gogh

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti