Robbie Williams "svende" la sua casa perché infestata

Il cantante ha venduto la sua magione nella campagna inglese a due milioni di sterline in meno rispetto a quanto l'aveva pagata

Sette camere da letto, spa privata, piscina coperta, campo da tennis e da calcio e pista di atterraggio per gli elicotteri: questa a grandi linee è Compton Bassett House, la magione situata nella contea di Wiltshire che la popstar britannica Robbie Williams aveva acquistato nel 2008 per 8,1 milioni di sterline.

In questa tenuta Robbie ha messo su famiglia, prima con la moglie Ayda Fields, che avrebbe sposato due anni dopo l’acquisto, e poi con la nascita dei suoi 3 figli: a quanto pare però in questa casa c’era qualcosa che non piaceva all’artista e nemmeno alla sua famiglia.

Nella miglior tradizione britannica, la tenuta sarebbe infestata dagli spettri e il cantante afferma di aver sentito “strane presenze” in casa, una impressione condivisa anche dalla figlia maggiore Teddy: “Mi fa venire i brividi – ha dichiarato Williams al The Sun- anche a mia figlia. Un giorno Teddy mi ha detto: ‘Quella stanza mi spaventa. Non mi piace questa casa’. E io le ho detto che anche a me spaventava”

Non solo sensazioni, ma anche una precisa visione: Robbie ha dichiarato di aver visto un fantasma in casa, precisamente lo spettro di uno dei suoi cani morti.

“Credo che le energie possano rimanere nelle case. Una volta ho visto il fantasma di un cane, era Trixie, il nostro cairn terrier che è morto. Mia sorella è tornata in casa e io ho guardato in basso e c’era Trixie che saltava sulle sue gambe. Era un fantasma o la mia mente che mi stava giocando brutti scherzi?”ha dichiarato il cantante ad un altro tabloid, aggiungendo anche di essere convinto che “quando in un ambiente avviene un lutto o una tragedia, l’energia negativa possa essere assorbita dai muri lasciando nell’aria un’essenza che può resistere per secoli”

L’energia negativa di Compton Bassett House ha portato infine Robbie Williams a vendere la casa ad un prezzo minore dell’acquisto: 6 milioni di sterline contro gli 8 sborsati più di 10 anni prima. I tabloid fanno notare che dietro al basso prezzo di vendita c’è anche, probabilmente, la vicinanza con una discarica che non rende i 7 acri del parco della tenuta precisamente beneodoranti…

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti