Bistecca al sangue, il tempo di cottura per averla perfetta

La bistecca al sangue va cotta nel modo giusto perchè sia veramente al sangue, saporita e gustosa: ecco qualche suggerimento

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Chi ama la bistecca in genere la preferisce “al sangue”, quindi poco cotta: quando si decide di cucinarla alla griglia, ci sono alcuni semplici trucchi per una cottura perfetta.

Innanzitutto, gli esperti di carni si raccomandano di scegliere un buon taglio, con un aspetto florido e la consistenza giusta: la carne deve essere ben asciutta prima di essere posizionata sulla griglia, nel caso si utilizzi un barbecue il momento giusto per mettere la carne è quando non c’è più fiamma ma solo braci.

Per una bistecca al sangue, la temperatura al cuore è fra i 50 e i 52 gradi, che corrispondono a circa 2 minuti per lato per una bistecca alta due dita/due dita e mezzo. Per ottenere con precisione il risultato sperato, è indispensabile utilizzare un termometro per alimenti: con un po’ di pratica poi si potrà anche concludere “ad occhio” la cottura (la ricetta giusta delle polpette è questa).

Qualunque sia il grado di cottura che preferite, il consiglio è quello di mettere sulla griglia già bollente la carne non fredda di frigo, ma a temperatura ambiente. La carne va girata poco, anche se ci sono diverse scuole di pensiero sul punto: tutti però sono concordi nel dire che non va bucata in cottura, quindi forchettoni addio. Scegliete piuttosto una spatola o uno specifico attrezzo da barbecue, che vi aiuteranno a maneggiare la carne senza intoppi: se la bucate, infatti, andranno persi i preziosi succhi che la rendono morbida e saporita.

Per la stessa ragione, la carne cotta in qualunque moda deve riposare prima di essere mangiata: almeno dieci minuti, in modo che si stabilizzi al suo interno e i grassi e i succhi si distribuiscano al meglio prima del taglio.

Infine, una raccomandazione sempre utile: la carne che può essere cotta al sangue (o au bleu, ancora di meno) è esclusivamente quella rossa. La carne bianca o rosata, quindi pollo e maiale, devono invece essere ben cotte, almeno sopra i 74 gradi per il pollo e 70 per il maiale: a questo temperature infatti i parassiti che possono essere presenti in questi tipi di carne vengono eliminati.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti