Le città fantasma più spaventose del mondo

Il motore di ricerca di voli Skyscanner ha scovato alcune destinazioni molto inquietanti in giro per il mondo

16 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Halloween è passato da poco e il cielo di novembre è perfetto per ricreare atmosfere lugubri e inquietanti, quindi cosa c’è di meglio di un viaggio nelle città fantasma più spaventose del mondo? Ci ha pensato il motore di ricerca di voli Skyscanner a scovare alcune destinazioni molto inquietanti fatte di edifici fatiscenti e leggende agghiaccianti.

Si parte da Humberstone, in Cile. Qui si trova il più grande deposito al mondo di salnitro (nitrato di potassio). In migliaia hanno lavorato in questo luogo arido e secco per oltre 60 anni, ma ormai l’area è stata quasi completamente abbandonata. La città fantasma, piena di edifici desolati, è sicuramente uno dei siti Patrimonio Unesco più inquietanti al mondo.

Bodie è invece una città spettrale immersa nel cuore della Sierra Nevada, in California. Qui, come riporta Fanpage.it è rimasto tutto come un tempo, edifici compresi.

L’Isola di Hashima, in Giappone, è sede di edifici fatiscenti e impolverati, derivanti da un impianto per l’estrazione del carbone che un tempo ospitava 5000 lavoratori. Dal 1974, a causa della chiusura dell’impianto, l’isola è stata abbandonata.

L’Isola delle bambole, Messico, prende origine da una macabra leggenda. L’eremita Julian Santana Barrera, che viveva isolato sul canale Xochimilco trovò il cadavere di una ragazza annegata nel canale e per placare il suo spirito decise di appendere bambole in tutta l’isola. Il racconto si fa ancora più inquietante se si tiene conto del fatto che nel 2001 anche Julian fu trovato annegato nello stesso canale.

Grytviken, Georgia: è una stazione baleniera in Antartide abbandonata nel 1966. In quest’area desolata rimangono relitti fantasma ed edifici fatiscenti, oltre al cimitero dei lavoratori che dà un tocco di brivido al posto.

Kolmanskop, Namibia. Antico villaggio nel cuore del deserto africano, dopo essere stato abbandonato, la sabbia ha invaso completamente le case. I turisti che vogliono esplorare la zona devono stare attenti a non calpestare i serpenti che si nascondono sotto la sabbia.

Oradur sur Glane, Francia: villaggio rimasto desolato dopo la strage nazista che nel 1944 spazzò via un’intera popolazione. Oggi il luogo è invaso dai turisti e si dice che qui si aggirino presenze spettrali.

Pripyat, Ucraina. Prima del disastro nucleare di Chernobyl, era una città di 50.000 abitanti. Oggi questo centro fantasma serve da monito per evitare che si ripetano simili tragedie.

Port Arthur, Tasmania. Questo villaggio è considerato uno dei luoghi più infestati d’Australia. Ospita detenuti ed è anche il luogo del terribile massacro avvenuto nel 1996.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti