Questa è la foto con il più alto quoziente intellettivo

90 annni fa 29 fra le menti più geniali mai esistite si misero in posa per una foto: ecco dov'erano e perchè dobbiamo essergli grati ancora oggi

Era il 29 ottobre 1927 quando ventinove fra le menti viventi più brillanti dell’epoca si misero in posa per una foto di rito: fra loro 17 premi Nobel. La foto venne scattata a Bruxelles, poco prima della cena di chiusura della V Conferenza di Solvay: si trattava di una serie di congressi scientifici organizzati dall’industriale belga Ernest Solvay e che da lui prendevano il nome.

Quella mitica cena, di cui per decenni non si è saputo praticamente nulla, servì agli esponenti più importanti della scienza dell’epoca per confrontarsi, discutere e mettere a fuoco le proprie idee: è tutt’ora considerata la cena più importante della fisica quantistica e venne celebrata alla Taverne Royal, alla presenza dei reali del Belgio.

A quanto pare infatti, nonostante la cena fosse solo una conclusione dei giorni di Congresso (dominati dallo scontro epico fra Einstein e Bohr), fu proprio durante questo simposio che gli scienziati -tutti fisici, teorici o sperimentali- poterono confrontarsi sui temi che gli stavano più a cuore.

Sono passati 90 anni esatti e in quello scatto riconosciamo Niels Bohr, mente della cosiddetta interpretazione di Copenaghen della meccanica quantistica, Albert Einstein, padre della teoria della relatività, Wolfang Pauli, ideatore del principio di esclusione, Werner Heisenberg, a cui si deve il principio di indeterminazione, e l’unica donna presente, Marie Curie, vincitrice di due premi Nobel, per la fisica e per la chimica, che ha scoperto le radiazioni.

A farci conoscere i dettagli di quella cena, a cui l’uomo moderno deve tutto, è stata la fisica dei giorni nostri Gabriella Greison (che è anche attrice teatrale e scrittrice), che si è documentata per anni ed infine è riuscita ad accumulare tanto materiale da scrivere un libro: “L’incredibile cena dei fisici quantistici”, edito da Salani e diventato un best seller. Nel libro infatti la Greison descrive tutto, dalla disposizione dei posti a tavola al menù, dall’abbigliamento ai tic, le nevrosi, le rivalità fra quelle che tutt’oggi possono essere considerate fra le menti più geniali mai esistite. 

 

 

 

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti