0, 0, 0, 1, 1, 1, 3 trend

Kiwi troppo acerbi? Il trucco per farli maturare velocemente

Bastano pochi accorgimenti per portare a maturazione questo frutto ricco di proprietà benefiche

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

È ricco di vitamina C, rafforza il sistema immunitario, combatte l’anemia ed è ricco di potassio: il kiwi ha molteplici effetti benefici per l’organismo, è particolarmente indicato per le donne in gravidanza e protegge denti, gengive e vasi sanguigni. Come fare, però, a farli maturare se si sono comprati kiwi ancora troppo acerbi? Bastano pochi, semplici accorgimenti per portare questo frutto a maturazione e godere del suo dolce sapore (sapete le differenze fra kiwi giallo e kiwi verde?)

Innanzitutto è meglio diffidare, al momento dell’acquisto, di kiwi con macchie nere o lacerazioni nella buccia: meglio optare per quelli più sodi. Verificare lo stato di maturazione del kiwi è semplice, basta schiacciare il frutto con il pollice: se cede alla pressione e rilascia un intenso profumo vuol dire che è maturo e pronto per essere consumato; al contrario se risulta piuttosto duro bisogna ricorrere ad alcuni trucchetti.

Il primo è quello di riporre i kiwi acquistati in una ciotola e lasciarli maturare a temperatura ambiente: nel giro di 3-4 giorni saranno giunti al giusto grado di maturazione. Occhio però a non esporli alla luce diretta del sole, perché anche se acerbi potrebbero marcire in men che non si dica.

Un altro accorgimento consiste nell’indurre la produzione dell’etilene che rende veloce la maturazione. Per raggiungere questo scopo basta riporre i kiwi in un sacchetto di carta insieme a una mela o una banana già mature e conservare a temperatura ambiente. In questo modo basterà un solo giorno di attesa perché i kiwi diventino maturi e pronti per essere mangiati.

Una volta maturi i kiwi andrebbero consumati in tempi brevi vista la facilità con cui marciscono. Per conservarli è sufficiente congelarli, laddove invece fossero ancora acerbi possono essere conservati per mesi in frigo purché isolati da altra frutta: quando vorrete finalmente mangiarli basterà ricorrere al trucchetto appena imparato.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti